Lun-Ven: 9.00-13.00 / 14.00-19.00  |  Sab: 9.00-13.00  |  Mer, Dom: Chiuso
info@gasparinivillani.it  |   0371 420007  |   Via Flora dei Tresseni 1, Lodi  |  
Sostituzione di vecchio restauro metallico

Il paziente si presenta alla nostra attenzione con un vecchio restauro in amalgama d’argento ormai incongruo, era inoltre presente un’infiltrazione cariosa nella porzione distale dell’elemento. In questo caso, vista l’esigua quantità di tessuto dentale sano rimasto, per la ricostruzione è stato scelto un restauro indiretto in composito ( intarsio ). Nel primo appuntamento sono stati rimossi il vecchio restauro e la dentina cariata, il dente è stato poi preparato per accogliere l’intarsio ed infine sono state rilevate delle impronte ottiche con lo scanner intraorale. Nell’appuntamento successivo l’intarsio è stato cementato direttamente sul dente con un cemento fotopolimerizzabile.

Protesi estetica

La paziente si presenta alla nostra attenzione non soddisfatta del suo sorriso a causa di tre vecchie corone ormai incongrue sugli elementi 1.1-2.1-2.2. Dopo il trattamento endodontico di tutti e 3 gli elementi dentari, le vecchie corone in metallo-ceramica sono state sostituite con delle nuove corone in ceramica integrale, assolutamente più congrue e biomimetiche. In questo caso la bravura dell’odontotecnico sta nel fatto di essere riuscito ad eseguire caratterizzazioni e sfumature di colore sulla superficie delle corone, che le rendono assolutamente identiche ai denti naturali vicini.

Incidente in monopattino

Il piccolo paziente ( 10 anni ) si frattura un incisivo centrale superiore sbattendo contro il manubrio del suo monopattino. In questi casi, la situazione ottimale sarebbe quella di reincollare il frammento perso direttamente sul dente, ma ,per nostra sfortuna, in questo caso il frammento non è stato ritrovato: per cui siamo costretti ad eseguire una ricostruzione diretta ( otturazione ) mediante l’ausilio di una mascherina in silicone. Nel primo appuntamento abbiamo rilevato delle impronte in alginato dalle quali l’odontotecnico ha creato la mascherina in silicone. Nel secondo appuntamento abbiamo eseguito l’otturazione aiutandoci con la mascherina. Sarà fondamentale poi monitorare con il tempo la vitalità del dente, capita spesso infatti che i denti, in seguito a forti traumi, vadano incontro nel tempo a necrosi pulpare, anche a distanza di diversi anni.

Urgenza per pulpite

Il paziente si presenta per dolore spontaneo ed esacerbato alla masticazione a carico dell’elemento 3.7. l’elemento presenta una carie estesa fino alla polpa, che ha provocato necrosi del nervo del dente. La terapia in questi casi è la devitalizzazione e la successiva ricostruzione dell’elemento mediante ricostruzione diretta ( otturazione ). La sintomatologia si è risolta già dopo il primo appuntamento, grazie alla rimozione della dentina infetta e alla medicazione con idrossido di calcio. È stata quindi eseguita, in un secondo appuntamento, una chiusura dei canali mediante guttaperca termoplasticizzata e il dente è stato ricostruito attraverso un restauro diretto in composito. L’apertura mininvasiva della camera pulpare e la rimozione selettiva della dentina infetta ha comportato un notevole risparmio di tessuto sano ed ha quindi permesso la ricostruzione del dente attraverso una ricostruzione diretta, evitando al paziente un restauro più invasivo e costoso (corona o intarsio).